Ilva, rabbia degli operai a Taranto: «Siamo esasperati, ma continueremo a lottare»

"Se l'azienda deve chiudere, meglio che la cosa avvenga subito. Siamo esasperati, ma continueremo a lottare". Così gli operai dell'ex Ilva di Taranto all'uscita degli impianti dopo la fine del turno di lavoro. "Taranto può vivere, non è solo industria. Noi dobbiamo vedere cosa fare. Secondo noi è un boicottaggio nazionale. Dal 2018 al 2019 non è cambiato niente", racconta amaramente un altro operaio.