Gianluca Vialli e il cancro: «Non volevo morire prima dei miei genitori»

Ospite di Fabio Fazio a Che Tempo che fa su Rai1 l'ex calciatore Gianluca Vialli parlando dei suo libro "Goals: 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili" ha raccontato la sua battaglia più difficile quella con il cancro, che al momento ha superato: "E' successo in maniera improvvisa e l'ho affrontata come quando facevo il calciatore, come quando ero un atleta professionista, mi sono dato subito degli obiettivi a lunga scadenza: non morire prima dei miei genitori e portare le mie figlie all'altare quando si sposeranno.

Vialli, la foto che preoccupa i tifosi: «Vedere certe immagini fa male, ma sappiamo che sei un leone»
 
 


"E poi degli obiettivi a breve scadenza, l'operazione la degenza, la chemio, la radio, andare di nuovo in vacanza in Sardegna con un fisico da far vedere".



Vialli ha poi voluto ringraziare tutti i tifosi che hanno esposto striscioni negli stadi e ha scherzato: "E' stato bellissimo e commovente, sono passati tanti anni ma si ricordano ancora."