Milano, la vicina: Carlotta non si sarebbe mai uccisa

"Una persona non si ammazza qui perché c'è sempre qualcuno che va e che viene e poi è pieno di gente che vive sulle panchine. Se uno si vuole suicidare non lo fa in piazza: lei era riservata e tranquilla e quindi non avrebbe mai fatto una cosa del genere. Inoltre, aveva una bella famiglia alle spalle e poi aveva i gatti che amava tanto...non si sarebbe ammazzata così". A raccontarlo è una donna che vive in piazza Napoli a Milano (e che ha preferito non mostrare il suo volto alla telecamera), proprio dove martedì è stato trovato il cadavere di Carlotta Benusiglio, la 37enne che si sarebbe impiccata a un albero. La donna intervistata conosceva di vista la ragazza ed è convinta che il suicidio sia stato un tentativo di depistaggio: Carlotta, dice, potrebbe essere stata uccisa e poi portata qui dal suo assassino. "Quella notte - dice - pioveva quindi credo che sia stato fatto apposta perché non c'era nessuno. La piazza è a pochi metri da casa sua...bastava prenderla in braccio e portala qui"