Crollo ponte Genova, Salvini: «Voglio nomi e cognomi di chi è colpevole»

(LaPresse) "Purtroppo si parla di una trentina di morti. Questo è il momento del soccorso, dell'intervento, della fatica, del sudore, della preghiera". Lo ha dichiarato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, commentando il crollo del ponte di Genova che ha causato oltre 30 morti. "Da stasera deve cominciare il momento dell'accertamento delle responsabilità, dei nomi e cognomi di chi è colpevole di morti inaccettabili", ha aggiunto Salvini. "La prossima manovra economica dovrà mettere al centro la sicurezza degli italiani, il diritto alla vita, il diritto al lavoro, il diritto alla salute. I vincoli dell'Europa vengono dopo", ha concluso il titolare del Viminale.