Sassi da cavalcavia colpiscono camion in tangenziale Torino

«Avevo pezzi di vetro fino nelle scarpe, ma sono vivo». A raccontarlo è lo stesso camionista che si è ritrovato il tetto in vetro della sua motrice sfondato da un sasso di oltre due chili. «Sono vivo per miracolo», sostiene Arcangelo Antonacci, 48 anni, di Foggia, a Torino per effettuare una consegna con il suo tir. La pietra lo ha sfiorato fermandosi alla destra del sedile, in fondo all'abitacolo. Il camionista ha raccontato alla polizia stradale di essere stato colpito prima dell'ingresso dell'Interporto Sito ed è sicuro di avere visto i presunti lanciatori sul ponte di strada del Drosso «Erano tre, quattro ragazzi con zaini e bici», ha raccontato agli inquirenti.

Courtesy Rete7